Domenico Basanisi www.ilterzoorecchio.wordpress.com

M.M.A
                         MICRO MOBILIZZAZIONE ARTICOLARE
di Domenico Basanisi
VALUTAZIONI NEUROFISIOLOGICHE DELLA METODICA
dr. Pierfrancesco Maria Rovere

Il corpo umano è caratterizzato da servosistemi di controllo attivabili sia spontaneamente che indotti da stimoli esterni.
Nel primo gruppo rientrano tutti i meccanismi metabolici ed immunitari di riconoscimento self-non self e l’adattamento con l’omeostasi biologica confinata da range di escursione finalizzati alla sopravvivenza sul pianeta ed all’utilizzo dei suoi elementi preponderanti in relazione alla sopravvivenza della specie.
Nel secondo gruppo rientrano le sollecitazioni di recettori cutanei e sensoriali mirate a selezionare alcune vie neurologiche rispetto ad altre per attivare o inibire riflessi spinali o neurovegetativi atti a modulare il sistema nervoso centrale e periferico con le conseguenti interrelazioni psicosomatiche.
Le migliaia di lavori sull’agopuntura e sulle riflessoterapie aprono gli orizzonti verso questo mondo ancora poco esplorato, ricco di affascinanti prospettive e possibili soluzioni a quesiti ancora senza risposta.
La M.M.A, Micro Mobilizzazione Articolare, la cui paternità è di Domenico Basanisi , rientra nel secondo gruppo di adattamento neuro funzionale.
Questa metodica si affianca felicemente all’osteopatia, alle riflessoterapie, al massaggio metamorfico, allo shiatsu, al Do in, al Tui Na, fornendo un ulteriore strumento di liberazione  dei blocchi neurofisiologici dell’organismo ed integrazione del vissuto.   
Come tutte le tecniche riflesse, richiede sensibilità, un apprendimento teorico e ovviamente molta pratica con supervisione per potere essere gestita con disinvoltura ed efficacia.
La tecnica a prima vista è molto semplice.
Si afferra un segmento di un capo articolare e lo si accompagna con micromovimenti con un adattamento dinamico nelle sue escursioni articolari.

In realtà il processo è molto più complesso perché richiede da parte dell’operatore una profonda centratura, analoga a quella delle arti marziali per potere accedere ad un rilassamento che attiva delle onde cerebrali rallentate come le alfa o le theta.
Da questa “posizione di controllo” é stato dimostrato dalle ultime ricerche in neurofisiologia  che è possibile indurre per risonanza delle frequenza analoghe nel ricevente che attivano dei modelli neurologici normalmente silenti.
Inoltre dobbiamo considerare i neuroni mirror (specchio)   presenti nei circuiti fronto-temporali che agiscono con due aree:
l'insula ed i nuclei della base che coordinano  emozioni, cognizione, memoria ed azioni.
Questi assimilano e ripropongono il comportamento di colui che viene osservato dal soggetto.
Per cui se l’operatore è stabilizzato in una modalità di comportamento armonica, rilassata, bilanciata, indurrà lo stesso modello nell’usufruitore.
Grazie alla attivazione di questi sistemi è possibile attivare dei circuiti differenti di elaborazione delle informazioni che permettono di by-passare le normali vie afferenti-efferenti, contestualizzandole in nuovi modelli motori e funzionali, più biotici e compatibili con il corretto funzionamento dell’organismo.
Il sistema neuronale attivato andrà ad elaborare delle vie comportamentali facilitatici per adeguarsi al modello proposto e libererà spontaneamente le tensioni che ne impediscono il raggiungimento grazie all’attivazione degli esterocettoi cutanei e dei propriocettori articolari che vengono sollecitati a nuovi ritmi e influssi elettrochimici dell’operatore.
La ricerca clinica è in corso ed in questi anni si è privilegiato il pollice e l’articolazione del polso.
Lo studio dei due segmenti articolari ha prodotto degli effetti soggettivi ed oggettivi di particolare interesse che la convalidano come uno strumento utile ed efficace nel sostenere la persona a reagire neurofisiologicamente e psichicamente alle situazioni invalidanti delle patologie.




BIBLIOGRAFIA
• DOMENICO BASANISI “Massaggio intuitivo” Mir ed.
• Maciocia The Foundations of Chinese Medicine Churchill Livingstone, London 1989
• Auteroche - P. Navailh, La diagnosi in Medicina Cinese, Edi-Ermes, Milano, 1986
• Quaderni di Medicina Naturale, Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese, Forlì, 1993
• Le Grand Suject de la Medicine Chinoise Traditionnelle, Guy Tredaniel, Paris - 1986.
• Lavier, Storia, dottrina e pratica dell’Agopuntura Cinese, Ed, mediterranee - Roma1966
• Huard, J. Bossy, G. Mazars - Le Medecines de l’Asie - Ed. Du SEUIL - Paris - 11978
• James Tin Yau So, The Book of Acupunture Points - Paradigm Pubblications, Brookline, Mass., 1985
• F. Capra, Il Tao della Fisica, Adelphi, Milano, 1982
• Chen Kai Yan, Georges Vanroy - Pathologie general et diagnostic en MTC, Maisonneuve, 1983.
• Ted J Kaptchuk, Chinese Medicine, Rider & Co, 1983
• Royston Low, The Secondary Vessels of Acupuncture - Thorsons Pub. Ltd, New York, 1983. 
• P. e M. Visconti, L’Agopuntura, Roma 1972
• P. e M. Visconti, Sat Chakra Nirupana, Testo Tradizionale, trad. P. Visconti, 1952.
• P. e M. Visconti - Il Rig Veda e lo Shiva Agama alla luce della Scienza Moderna - Roma 1972
• M. Visconti, Trattato dei Polsi del Dragone della Riva del Lago, Roma - 1985.
• Manuale di Agopuntura Cinese, Accademia di Medicina Trad. Cinese - Stampa Medica, 1976.
• An Explanatory book of the newest illustrations of acupuncture points, Medicine and Healt Pub. Co, Hong Kong 1974.
• Martucci, Rotolo: Fondamenti Di Farmacoterapia Cinese, Ed. Li Shi Zhen, Milano, 1988.
• P.Deadman, M. Al Kafaji – A Manual of Acupuncture , Journal of Chinese Medicine Pubblications, 1998.
• Fazioli E. Fazzioli E.: Ben Cao, rimedi naturali dell’antica Cina nella raccolta dell'imperatore Xiao Zong, Mondadori,1989
• PIERFRANCESCO MARIA ROVERE: “Acupuncturae Memorandum” 6 volumi  Gruppo ricerche COOP Acqui Terme 
• PIERFRANCESCO MARIA ROVERE: “ Psicosomaticamente” La traccia ed. 1992
• PIERFRANCESCO MARIA ROVERE: “ Triplo riscaldatore, identificazione neuroanatomica” Empedocle marzo 1989
• PIERFRANCESCO MARIA ROVERE: “Kinesiologia e Naturologia” marrapese ed.

Micromobilizzazione articolare

Il progetto è concepito per alleviare gli sgradevoli effetti dovuti alle cure chemioterapiche attraverso la tecnica di micro massaggio.